LO ZAFFERANO DE L'AQUILA - In Cucina con Dani
Stampa questa pagina

LO ZAFFERANO DE L'AQUILA

Il risotto allo zafferano, anche se di origine lombarda è oramai divenuto uno dei piatti di tutto lo stivale. Un prodotto a marchio DOP coltivato nella meravigliosa provincia de L’Aquila, comprendente i comuni di Barisciano, Caporciano, Fagnano alto, Fontecchio, L’Aquila, Molina Aterno, Navelli, Poggio Picenze, Prata d’Ansidonia, San Demetrio nei Vestini, S. Pio delle Camere, Tione degli Abruzzi, Villa S.Angelo.

Lo zafferano è una delle spezie più costose ed esportate del nostro paese, ma in pochi sanno che il suo uso è particolarmente radicato nella tradizione culinaria dell’abruzzo e non solo nel risotto allo zafferano.

Lo zafferano ha rappresentato per secoli una delle fonti tradizionali di occupazione e reddito dell’Abruzzo, al pari dell’allevamento ovino, la mena delle pecore lungo il tratturo che dall’Abruzzo porta in Puglia e la commercializzazione della lana.

Negli ultimi anni in Italia sono nati diversi percorsi turistici legati dalla riscoperta degli antichi sapori e della cultura del territorio, quindi dello zafferano. Questi itinerari vedono la frequentazione annua di oltre 14 – 16 milioni di turisti, con oltre la metà di stranieri, che visitano l’Italia alla scoperta dei sapori locali e dei prodotti tipici.

Questa spezia, la più pregiata che esista in commercio è costituita dagli stimmi del fiore di zafferano ed è in grado di conferire aroma e colore attraverso le sue proprietà organolettiche.

Per ottenere 1 grammo di zafferano servono circa 170 fiori, che vanno raccolti uno ad uno e da cui vengono staccati a mano i tre stimmi (sfioratura). Gli stimmi vanno poi posti su un setaccio ed essiccati in maniera naturale alla brace del caminetto.

La Denominazione di Origine Protetta “Zafferano dell’Aquila” riconosciuta ufficialmente a partire dal 2005 è volta a garantire al consumatore la provenienza e la qualità del prodotto con rigorosi controlli sullo stesso e sui terreni di coltivazione. Mediante il rispetto del disciplinare il marchio garantisce:

PROVENIENZA: lo “zafferano dell’Aquila DOP” deve essere coltivato, lavorato e confezionato all’interno di una zona ben definita della provincia dell’Aquila, comprendente il Comune dell’Aquila e i comuni dell’altopiano di Navelli;

BIOLOGICITA’: la coltivazione non subisce trattamenti chimici, in particolare è vietato l’utilizzo di diserbanti e concimi chimici;

LAVORAZIONE SECONDO LA TRADIZIONE: la raccolta dei fiori e la “sfioratura” sono effettuate a mano, e l’essiccatura dei pistilli deve essere fatta alla brace di legna di quercia;

QUALITA’ ORGANOLETTICHE: analisi da parte del laboratorio della CCIAA dell’Aquila garantiscono la presenza delle giuste quantità di quelle sostanze che conferiscono allo zafferano

Joomla SEF URLs by Artio

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, utilizziamo cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Maggiori Info