CERUTI - NATURA MORTA - In Cucina con Dani

 

 

 

CERUTI - NATURA MORTA

Giacomo Antonio Melchiorre Ceruti, detto il Pitocchetto fu un pittore italiano della prima metà del 1700, tra i più importanti esponenti del tardo barocco italiano.

Fu poliedrico e scostante nei suoi lavori; non solo dipense pale d’altare ma fu maestro nei ritratti e nelle scene di genere.

Nato a Milano fin dai primi anni venti del settecento fu attivo a Brescia, città in cui ebbe il soprannome di «Pitocchetto» per il genere pittorico che aveva come soggetti principali i poveri, i reietti, i vagabondi, i contadini.
La sua pittura, rientra nel filone della "pittura di realtà", che in Lombardia ebbe una tradizione secolare; tra tutti il Caravaggio.

Trasferito prima a Venezia e poi a Padova, operò per la Basilica del Santo e per altre chiese, tra cui quella di Santa Lucia presso la quale, oltre ad una pala dedicata alla santa e un Battesimo di San Giustino, sono presenti anche i Quattro Padri della Chiesa, i Quattro Evangelisti e i Quattro Santi protettori della città.

Dopo il soggiorno veneziano, ricevette varie commissioni pubbliche e tornò a Milano, trasferendosi in seguito a Piacenza.

Tra le opere che lo resero celebre la Lavandaia (1736 circa), attualmente alla pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, e le molte nature morte; proprio qui, infatti ne vediamo una che ritrae una tavola imbandita con pes che, pane, formaggio, vino e una zucca; un quadro tipicamente caravaggesco, con una luce ben distinta che delinea le forme del cibo.

 

In Cucina Con Dani

In Cucina Con Dani trovi: Ricette, Cucina, Made in Italy, Benessere, Salute, Notizie

Iscriviti alla Newsletter di In Cucina Con Dani

Rimani sempre informato con In Cucina Con Dani.

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, utilizziamo cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Maggiori Info